Istituto Comprensivo Statale "Padre Pino Puglisi" Palermo
Le parole e i fatti «E' importante parlare di mafia, soprattutto nelle scuole, per combattere contro la mentalità mafiosa, che è poi qualunque ideologia disposta a svendere la dignità dell'uomo per i soldi. Non ci si fermi però ai cortei, alle denunce, alle proteste. Tutte queste iniziative hanno valore, ma, se ci si ferma a questo livello, sono soltanto parole. E le parole devono essere confermate dai fatti».
Beato Giuseppe Puglisi
Istituto Comprensivo Padre Pino Puglisi
Home H | Accessibilità sito web W | Padre Pino Puglisi Q |

Silenzio, si legge in Biblioteca!

Una nuova esperienza fra gli scaffali della Biblioteca di Brancaccio

data articolo 17/05/2019 autore Gabriella Notarbartolo   Indietro
foto articolo
Foto: In biblioteca
Il 17 maggio 2019 la 2^F della Scuola Secondaria di I grado, accompagnata dai docenti Sajeva e Notarbartolo, si è recata alla Biblioteca decentrata di Brancaccio. Qui gli alunni hanno potuto sperimentare cosa significa usufruire di una sala di lettura.

Dapprincipio ogni alunno ha scelto un libro da leggere curiosando tra gli scaffali o chiedendo ai bibliotecari; dopodiché ognuno di loro si è dilettato nella lettura del testo scelto.

Alcuni ragazzi hanno scelto dei thriller di Stephen King tra cui It, altri dei romanzi rosa, qualcuno ha letto un classico come Il Diario di Anna Frank, qualcuno ha preferito mantenersi sul leggero leggendo Geronimo Stilton, altri invece hanno voluto approfondire tematiche già trattate in classe come la shoah.

Dopo un'ora dedicata alla lettura, si è passati alla compilazione della scheda di comprensione del libro; infine, alcune alunne che erano già tesserate hanno preso in prestito dei libri.

L'esperienza è risultata piacevole e i ragazzi colti dall'entusiasmo non solo hanno chiesto di ripeterla in futuro, ma vorrebbero trascorrere ancora più tempo in sala lettura.

Vedi le foto nella photogallery.

Biblioteca BrancaccioBiblioteca Brancaccio  Lettura Lettura  Visite Visite

Visite: 56

Inserisci commentoINSERISCI UN COMMENTO